Taormina

News

EMINENT FIGURES | Timaeus from Taormina, the historian who aroused the envy of Polibius

A Sicilian Greek historian, Timaeus was probably born in 356 BC from Andromacus, tyrant founder of Tauromenio, ancient name of Taormina. In 316 BC, when the city was conquered by Agatocles, tyrant of Syracuse, Timaeus was exiled and lived first in Agrigento and then in Athens, where he stayed for about fifty years and where he followed the rhetoric lessons of a student of Isocrates. Despite the scarce biographical information, most likely Timaeus returned to Syracuse after the death of Agatocles (269 BC) and spent the last years of his long life (about 96 years) under the tyrant Hiero II: he died in Syracuse around 260 BC.

He was the first to develop and use a universal chronology based on the comparison between Olympic chronology, lists of eponymous magistrates and other local lists.

Timaeus, despite the distance from his native land, never forgot it and always tried to be kept up to date with events, so much so that he was the author of a historiographical work that had Sicilian and Italian protagonists. The work, entitled Sicilian Histories or Sikelikà, of which there remain about 160 fragments, was divided into 38 books and dealt with the Greek West, outlining a story from the mythical origins to the death of his enemy Agatocle, which occurred in 289 BC.

From the study of the remaining fragments we can deduce that the work was composed of a general introduction of 5 books, in which Timaeus offers a geographical description of the island and introduces the complex mythological history of the foundations of the city at the hands of famous heroes, such as the Argonauts, Heracles or the warriors of the Trojan enterprise. These were followed by books narrating Sicilian history until 406 BC, the year of the ascent to power of Dionysus I of Syracuse, and then continued until the death of Agatocles. Only later, Timaeus added an appendix of 5 other books, in which he narrates the historical events from the wars of Pyrrhus against Rome until 264 BC, date of the beginning of the first Punic war.

The accuracy of the news earned the Sicilian historian a great popularity, which lasted until the 3rd century AD; in fact, although the work dealt with the Greeks who had colonized Italy, it gained more interest among the Romans than among the Greeks, thanks to the news it offered about Rome and all the other cities of Italy, as well as about the Carthaginians and the barbarian West.

The Sicilian historian was considered the continuer of the political-rhetorical historiography begun by Isocrates and his work was widely used by other writers, including the famous Diodorus Siculus and Polibius. The latter, who also claimed wanting to continue the work of Timaeus, did not miss the opportunity to criticize the ethnographic interest of his predecessor; in his controversy, however, one must also recognize reasons of jealousy towards another historian, whose echo resounded in Rome even long after his death.

BIBLIOGRAPHICAL REFERENCES:

Timeo di Tauromenio, Testimonianze e Frammenti, a cura di Ignazio Concordia, Storiografia Siceliota Frammentaria IV, Youcanprint, Tricase (Lecce) 2017.
 
Bertini, G. 1829, “Giudizi degli Antichi intorno alle opere di Timeo da Taormina, storico del III secolo innanzi l’Era Volgare colle Notizie biografiche e i frammenti della Storia del medesimo“, in Giornale di Scienze, Lettere e Arti per la Sicilia, VII/t. 27.
 
Pearson, L. 1987,The Greek Historians of the West. Timaeus and His Predecessors, Atlanta.
 
News

PERSONAGGI | Timèo da Taormina, lo storico che suscitò l’invidia di Polibio

Storico greco siciliano, Timèo nacque verosimilmente nel 356 a.C. da Andromaco, tiranno fondatore di Tauromenio, antico nome di Taormina. Nel 316 a.C., quando la città fu conquistata da Agatocle, tiranno di Siracusa, Timèo fu esiliato e visse dapprima ad Agrigento e poi ad Atene, dove stette per circa cinquant’anni e dove seguì le lezioni di retorica di un allievo di Isocrate. Nonostante le scarse notizie biografiche, con molta probabilità Timèo tornò a Siracusa dopo la morte di Agatocle (269 a.C.) e passò gli ultimi anni della sua lunga vita (circa 96 anni) sotto il tiranno Gerone II: morì a Siracusa intorno al 260 a.C.

Fu il primo ad elaborare e utilizzare una cronologia universale basata sulla comparazione fra cronologia olimpica, liste di magistrati eponimi e altre liste locali.

Timèo, nonostante la lontananza dalla terra natia, non si dimenticò mai di essa e sempre si tenne aggiornato sugli avvenimenti, tanto che fu autore di un’opera storiografica che aveva per protagonisti siciliani e italioti. L’opera, intitolata Storie Siciliane o Sikelikà, di cui ci restano circa 160 frammenti, era divisa in 38 libri e trattava dell’Occidente greco, delineandone una storia dalle origini mitiche alla morte del suo nemico Agatocle, avvenuta nel 289 a.C.

Dallo studio dei frammenti rimasti si ricava che l’opera si componeva di un’introduzione generale di 5 libri, in cui Timèo offre una descrizione geografica dell’isola ed introduce la complessa storia mitologica delle fondazioni di città per mano di celebri eroi, come gli Argonauti, Eracle o i guerrieri dell’impresa troiana. A questi seguivano i libri narranti la storia siciliana fino al 406 a.C., anno dell’ascesa al potere di Dioniso I di Siracusa, per poi proseguire fino alla morte di Agatocle. Solo in un secondo momento, Timèo aggiunse un’appendice di altri 5 libri, in cui narra le vicende storiche dalle guerre di Pirro contro Roma fino al 264 a.C., data d’inizio della prima guerra punica.

L’accuratezza delle notizie valse allo storico siciliano una grandissima popolarità, che durò fino al III secolo d.C.; infatti, sebbene l’opera trattasse dei Greci che avevano colonizzato l’Italia, essa riscosse un maggiore interesse tra i Romani che non tra i Greci, grazie alle notizie che offriva sia su Roma e su tutte le altre città dell’Italia, sia sui Cartaginesi e sull’Occidente barbaro.

Lo storico siciliano fu considerato il continuatore della storiografia politico-retorica iniziata da Isocrate e la sua opera venne largamente utilizzata da altri scrittori, tra cui i famosi Diodoro Siculo e Polibio. Quest’ultimo, che pure asseriva di voler continuare l’opera di Timèo, non perse l’occasione di criticare l’interesse etnografico del predecessore; nella sua polemica, tuttavia, si dovranno riconoscere anche motivi di gelosia verso un altro storico, la cui eco risuonava a Roma persino tanto tempo dopo la sua morte.

 

 

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI:

Timeo di Tauromenio, Testimonianze e Frammenti, a cura di Ignazio Concordia, Storiografia Siceliota Frammentaria IV, Youcanprint, Tricase (Lecce) 2017.
 
Bertini, G. 1829, “Giudizi degli Antichi intorno alle opere di Timeo da Taormina, storico del III secolo innanzi l’Era Volgare colle Notizie biografiche e i frammenti della Storia del medesimo“, in Giornale di Scienze, Lettere e Arti per la Sicilia, VII/t. 27.
 
Pearson, L. 1987,The Greek Historians of the West. Timaeus and His Predecessors, Atlanta.
News

THEATRE | The Greek pearl of Taormina, the Ancient Theatre

The Ancient Theatre of Taormina is the second largest ancient theatre in Sicily, after the one in Syracuse. 

It was probably built around the third century B.C., during the government of Hiero II, tyrant of Syracuse: this is testified by the engraving on some steps of the name of his wife, Philistis. The whole structure was later restored and enlarged in Roman times, more precisely in the imperial age: in fact, in the second century A.D. columns, statues and roofs were added.

The structure of the Ancient Theatre

Originally the theatre was composed only of a small central structure, then it reached a maximum diameter of 109 meters; it was also built the space for the orchestra with a diameter of 35 meters. The cavea had a capacity of 10,000 spectators (today 4,500) and is divided into 9 sectors. At the top of the steps there is a double portico, on the wall of which there are 36 niches, which probably in the past had housed some statues. In the late antique period the portico behind the scene was built with the three large openings, delimited by some niches and columns, brought back in situ in the 19th century by the architect Cavallari.

The Greek shows and the Roman venationes

During the late-imperial age, the theatre, born to host performances of tragedies and comedies, was intended for the performance of venationes. These were performances of gladiator and ferocious animal fights: the arena took the place occupied by the orchestra and the lower steps were replaced with a vaulted scenic corridor leading to a hypogeum in the center of the esplanade. From here gladiators were introduced and special effects machines were installed during the fight.

The Ancient Theatre today

The conformation of the Ancient Theatre of Taormina lends itself to many destinations. Since the ’50s it has hosted various forms of entertainment, from theatrical performances to concerts, from award ceremonies (such as the David di Donatello) to opera and ballet. Its season, being an open-air theatre, is mainly summer. It has hosted concerts by many contemporary artists such as Elton John, Mika, Duran Duran, Sting and Renato Zero, to name a few.

concert
Concert at the Ancient Theatre

 

The “Taormina Film Fest”, an international film festival that attracts VIPs from all over the world, deserves a mention.

A curiosity: in 2017 it was home to the G7 parade, the international intergovernmental economic organization composed of the seven major economic powers in the world.

The strengths

Why is the Ancient Theatre of Taormina the best known and most admired in the world?

Etna in eruption (Photo credits: ANSA/Carlo Papale)

It can be defined as a pearl set in a breathtaking scenery: behind the scene nature creates a spectacular backdrop with its colors; the blue of the sea meets the Etna massif, which not infrequently gives evocative scenery with its rivulets of lava; on the other side you can see Giardini Naxos, which in summer comes alive with lights and colors. Visiting it during summertime, at sunset, is an experience worth living.

Tradotto da: https://archeome.it/teatro-la-perla-greca-di-taormina-il-teatro-antico/

News

TEATRO | La perla greca di Taormina, il Teatro Antico

Il Teatro Antico di Taormina è il secondo teatro antico per dimensioni in Sicilia, dopo quello di Siracusa. 

Fu probabilmente edificato intorno al III secolo a.C., durante il governo di Ierone II, tiranno di Siracusa: ciò è testimoniato dall’incisione su alcuni gradini del nome di sua moglie, Filistide. Tutta la struttura fu successivamente ristrutturata e ampliata in epoca romana, più precisamente in età imperiale: infatti, nel II secolo d.C. furono aggiunte colonne, statue e le coperture.

La struttura del Teatro Antico

In origine il teatro era composto solo da una piccola struttura centrale, per poi raggiungere i 109 metri di diametro massimo; fu anche costruito lo spazio per l’orchestra del diametro di 35 metri. La cavea aveva una capienza di 10.000 spettatori (oggi 4.500) ed è divisa in 9 settori. Alla sommità delle gradinate è presente un doppio portico, sul muro del quale si aprono 36 nicchie, che probabilmente in passato avevano accolto alcune statue. In epoca tardo-antica venne costruito il portico dietro la scena con le tre grandi aperture, delimitate da alcune nicchie e colonne, riportate in situ nel XIX secolo dall’architetto Cavallari. 

Gli spettacoli greci e le venationes romane

Durante l’età tardo-imperiale, il teatro, nato per ospitare rappresentazioni di tragedie e commedie, fu destinato all’esibizione delle venationes. Si trattava di spettacoli di lotta tra gladiatori e animali feroci: l’arena prese il posto occupato dall’orchestra e le gradinate inferiori furono sostituite con un corridoio scenico a volta, che conduceva ad un ipogeo al centro dello spiazzo. Da qui venivano introdotti i gladiatori e venivano installate le macchine sceniche per gli effetti speciali durante il combattimento. 

Il Teatro Antico oggi

La conformazione del Teatro Antico di Taormina si presta a numerose destinazioni. A partire dagli anni ’50 ha ospitato varie forme di spettacolo, da quelle teatrali ai concerti, dalle cerimonie di premiazione (come quella del David di Donatello) all’opera lirica e al balletto. La sua stagione, essendo un teatro all’aperto, è principalmente estiva. Ha ospitato i concerti di molti artisti contemporanei come Elton John, Mika, i Duran Duran, Sting e Renato Zero, per citarne alcuni.

Teatro Antico Taormina
Concerto al Teatro Antico

Merita una menzione il “Taormina Film Fest“, festival internazionale di cinematografia che richiama vip da tutto il mondo.

Una curiosità: nel 2017 fu sede della sfilata del G7, l’organizzazione economica intergovernativa internazionale, composta dalle sette maggiori potenze economiche mondiali.

I punti di forza

Perché il Teatro Antico di Taormina è il più conosciuto al mondo e il più ammirato?

Etna
 Etna in eruzione

Lo si può definire una perla incastonata in uno scenario mozzafiato: dietro la scena la natura crea un fondale spettacolare con il suoi colori; l’azzurro del mare si incontra con il massiccio dell’Etna, che non di rado regala scenari suggestivi con i suoi rivoli di lava; dall’altro lato si può scorgere Giardini Naxos, che d’estate si anima di luci e colori. Visitarlo durante la bella stagione, al tramonto, è un’esperienza che vale la pena di essere vissuta.

News

NEWS | Il Parco Archeologico di Naxos e Taormina (ME) sospende la “Domenica al Museo”

Il Parco archeologico di Naxos e Taormina (ME) dovrà rinunciare, nella giornata di domenica 4 ottobre, alla  “Domenica al Museo” che prevede l’ingresso gratuito nei parchi e nei siti archeologici di tutta Italia per la prima domenica del mese.

La sospensione dell’iniziativa è stata comunicata dall’assessore regionale dei Beni Culturali Alberto Samonà in ottemperanza ad un’ordinanza del Ministro della Salute: questa rientra tra le misure imposte per contenere il rischio di contagio da Covid-19 che potrebbe derivare da potenziali assembramenti.

I siti afferenti al Parco – Teatro Antico, Isola Bella e Museo di Naxos – saranno regolarmente aperti al pubblico.

News

NEWS | Il Teatro Antico di Taormina illuminato dalle luci del Tricolore d’Italia

Giardini Naxos (Me), 15 marzo 2020 – “Coraggio Italia!”.  E’ il messaggio che arriva dalla Sicilia, dove il Parco Archeologico Naxos Taormina, ieri sera sabato 14 marzo, ha acceso il Teatro Antico con le luci del Tricolore sullo sfondo dell’Etna. “Nell’ora più buia – ha detto il direttore del Parco, l’archeologa Gabriella Tigano – un invito alla speranza da uno dei monumenti simbolo dell’arte e dell’ingegno dell’Umanità”.

Definito da Goethe “il più bel palcoscenico del mondo”, il Teatro Antico di Taormina nei mesi scorsi ha registrato, insieme agli altri siti del Parco (Museo di Naxos e Isola Bella) un consistente aumento di visitatori: quasi 21mila a febbraio (+57% rispetto al 2019, quando si fermarono a 13.266, fonte Aditus). Un trend positivo interrotto solo dallo stop dell’emergenza
sanitaria che ha azzerato il turismo su scala globale.

Chiusi i siti e il museo – disinfestati e sanificati in questi giorni– il Parco Archeologico Naxos Taormina continua a raccontare i suoi monumenti attraverso i social, con focus giornalieri sui reperti del museo e sulla storia dei singoli siti archeologici.

Parco Archeologico Naxos – Taormina

Il Parco archeologico Naxos–Taormina è stato istituito nel 2007 e gode di autonomia scientifica e di ricerca, organizzativa, amministrativa e finanziaria. Dal 2013 al Parco Archeologico di Naxos-Taormina è stata affidata la gestione di alcuni siti monumentali e paesaggistici della
provincia di Messina: il Museo Archeologico di Naxos e delle sue collezioni; del Teatro Antico di Taormina; di Villa Caronia (sede amministrativa del Parco); del Museo naturalistico di Isolabella, delle aree archeologiche di Taormina e Francavilla. Dal 2019 sono gestiti dal Parco anche Palazzo Ciampoli e Odèon (Taormina) e la Chiesa Basiliana dei Santi Pietro e Paolo (Casalvecchio Siculo). Dal giugno 2019 è diretto dall’archeologa Gabriella Tigano. Fra i grandi eventi gestiti dal Parco e che hanno visto in protagonista il Teatro Antico di Taormina – secondo sito più visitato in Sicilia dopo la Valle dei Templi, mentre il sito di Naxos è sesto nella classifica italiana – figurano il G7 del maggio 2017 e la visita del Dalai Lama nel settembre dello stesso anno. Nel corso del 2018 i siti gestiti dal Parco Naxos Taormina hanno registrato complessivamente 993.668 visitatori (esclusi gli oltre 150.000 spettatori degli eventi serali nel Teatro Antico di Taormina nel periodo tra giugno e settembre).

News

NEWS | Gennaio da record nei siti del Parco Naxos Taormina e Isola Bella

Gennaio da record nei siti del Parco Naxos Taormina

Circa 1800 visitatori, in totale, per la prima domenica gratis di febbraio:
grande affluenza alla passeggiata archeoastronomica, ai laboratori per
bambini a Naxos e oltre 300 persone a Isola Bella.

Il parco Archeologico Naxos Taormina, diretto dall’ archeologa Gabriella Tigano, ha archiviato un 2019 che piazza il Teatro Antico di Taormina al settimo posto fra i primi dieci monumenti italiani con il maggior numero di
presenze, il 2020 si annuncia con grandi numeri e premia il grande lavoro
di organizzazione, promozione e comunicazione avviato dalla direzione.

Sono stati infatti resi noti i dati di affluenza del mese di gennaio 2020 raccolti da Aditus, società che gestisce i servizi di biglietteria per i
siti del Parco:

Taormina cresce del +68% con 20.407  visitatori nel mese di gennaio (nel mese analogo del 2019 si erano fermati a 12.145); aumentano i visitatori anche a Naxos con 506 presenze nello stesso periodo (+35%) rispetto allo scorso anno, quando furono 374; invece 361 i visitatori di Isola Bella che, per disagi legati a una mareggiata di fine anno, era rimasta chiusa alle visite per ragioni di sicurezza i primi 13 giorni di gennaio.

“Siamo molto soddisfatti del crescente gradimento del pubblico” – commenta il Direttore Gabriella Tigano – “e, nonostante la bassa stagione,
l’aumento di presenze in tutti i siti, legato anche alla sempre maggiore
qualità dell’offerta culturale e di attività collaterali insieme a una
comunicazione capillare e strutturata, ci conferma come non solo i turisti,
che in questo periodo sono pochi, ma anche i siciliani e la comunità del
territorio siano profondamente legati a questi monumenti e da più parti si
desideri condividere la bellezza e la loro conoscenza anche in contesti
culturali differenti e stimolanti”.

Gabriella-Tigano-Direttore-Parco-Archeologico-Naxos-Taormina

Intanto, la scorsa domenica sono stati circa 1800 i visitatori dei siti del Parco in occasione della “Domenica al Museo”, l’iniziativa del MIBAC che prevede l’ingresso gratuito nei musei e nei siti archeologici d’Italia ogni prima domenica del mese.

Circa 70 persone hanno partecipato al mattino al Teatro Antico di Taormina
alla passeggiata organizzata in collaborazione con NaxosLegge e dedicata al
tema dell’Archeoastronomia in compagnia dell’astrofisico Andrea Orlando che, bussola alla mano, ha ipotizzato come oltre all’orientamento topografico a sud-ovest – per inglobare nel paesaggio sia il mare che il
massiccio dell’Etna – gli antichi greci abbiano forse studiato una
coincidenza astronomica da verificare con opportuni calcoli.

Al Museo di Naxos una decina di bambini hanno partecipato al laboratorio
didattico su mitologia e costellazioni al termine di una interessante
visita ai reperti della collezione guidati dai giovani archeologi di Civita Sicilia.

 

 

 

 

Oltre trecento infine i visitatori a Isola Bella grazie alla bella giornata e alla bassa marea che rendeva più semplice il “transito” a piedi, sull’ istmo di terra che conduce alla pittoresca isoletta. 

 

Appuntamento quindi da non perdere con la “Domenica al Museo” previsto per la giornata del 1°marzo.

News

NEWS | “DomenicaAlMuseo” approda a Naxos e Taormina

Nuovo appuntamento il 2 febbraio con la “DomenicaAlMuseo“, ossia l’ingresso gratuito la prima domenica del mese in tutti i siti del Parco Archeologico Naxos Taormina, che da sempre aderisce all’iniziativa. 

Per i visitatori il Parco ha organizzato due iniziative in collaborazione con NaxosLegge (al Teatro Antico, con un astrofisico che svelerà i misteri dell’ArcheoAstronomia) e Civita Sicilia (con un laboratorio per bambini sulle costellazioni).

BENI CULTURALI in Sicilia: a Naxos e Taormina l’ingresso sarà gratis il 2 febbraio per la Domenica al Museo

Di scena le stelle: Archeoastronomia al Teatro Antico con l’astrofisico Andrea Orlando, mentre al Museo di Naxos per i bambini laboratorio didattico su miti e costellazioni.

L’Astrofisico Andrea Orlando 

Giardini Naxos (Me), 31 gennaio 2020 

Un astrofisico al Teatro Antico per esplorare i misteri dell’Archeoastronomia, disciplina che studia le connessioni tra la Terra (e le opere dell’uomo) e il Cielo; mentre al Museo di Naxos i bambini giocheranno con le mappe stellari, alla scoperta della mitologia delle costellazioni.

Sono i due appuntamenti in programma nei siti del Parco Archeologico Naxos Taormina, diretto da Gabriella Tigano, per la prossima domenica 2 febbraio in occasione della consueta manifestazione nazionale “Domenica al Museo”, indetta dal Mibact, che prevede l’ingresso gratuito in siti e musei che aderiscono all’iniziativa.

Collaborano ai due progetti NaxosLegge, diretto da Fulvia Toscano, che coordina la passeggiata al Teatro Antico con l’astrofisico Andrea Orlando (ore 11.00); e i giovani archeologi di Civita Sicilia che cureranno il laboratorio didattico con i bambini (ore 10.30, costo 3,00€ a partecipante, per info e prenotazione contattare il 335 7304378).

Spiega Andrea Orlando: “Metà scienziati, metà umanisti, gli archeoastronomi misurano i rapporti esistenti fra gli astri celesti e i monumenti realizzati dall’uomo, sin dall’epoca preistorica alla ricerca di connessioni fra l’orientamento di queste opere e i movimenti dei corpi celesti. Per questo studiamo e misuriamo templi, teatri (in genere rivolti a sud, come quello di Taormina, ma con le dovute eccezioni come quello di Tindari che guarda a nord), santuari, dolmen, menhir e tombe con l’aiuto di bussole e altre specifiche strumentazioni, fra cui anche il GPS. L’istante magico in cui, durante alcuni eventi astrali, la luce giunge in un determinato punto del monumento si chiama ierofania, ossia “manifestazione del sacro” in questo caso attraverso la luce e si verifica in particolare per i solstizi d’inverno e d’estate, riti che sin dall’antichità venivano celebrati dalle popolazioni di ogni emisfero”.

Per la domenica al museo del Parco Archeologico Naxos Taormina, domenica 2 febbraio, dalle 9 alle 16 (orario invernale) l’ingresso è gratuito in tutti i siti: Museo e Area Archeologica di Naxos, Teatro Antico e Isola Bella di Taormina.

Parco Archeologico Naxos – Taormina

Il Parco archeologico Naxos–Taormina è stato istituito nel 2007 e gode di autonomia scientifica e di ricerca, organizzativa, amministrativa e finanziaria. Dal 2013 al Parco Archeologico di Naxos-Taormina è stata affidata la gestione di alcuni siti monumentali e paesaggistici della provincia di Messina: il Museo Archeologico di Naxos e delle sue collezioni; del Teatro Antico di Taormina; di Villa Caronia (sede amministrativa del Parco); del Museo naturalistico di Isolabella, delle aree archeologiche di Taormina e Francavilla. Dal 2019 sono gestiti dal Parco anche Palazzo Ciampoli e Odèon (Taormina) e la Chiesa Basiliana dei Santi Pietro e Paolo (Casalvecchio Siculo). Dal giugno 2019 è diretto dall’archeologa Gabriella Tigano. Fra i grandi eventi gestiti dal Parco e che hanno visto in protagonista il Teatro Antico di Taormina – secondo sito più visitato in Sicilia dopo la Valle dei Templi, mentre il sito di Naxos è sesto nella classifica italiana – figurano il G7 del maggio 2017 e la visita del Dalai Lama nel settembre dello stesso anno. Nel corso del 2018 i siti gestiti dal Parco Naxos Taormina hanno registrato complessivamente 993.668 visitatori (esclusi gli oltre 150.000 spettatori degli eventi serali nel Teatro Antico di Taormina nel periodo tra giugno e settembre).

 

Info pubblico 

0942 51.001 – 0942 628.738

News

NEWS | Palazzo Ciampoli inaugura la mostra sull’archeologia subacquea

Domani, 20 dicembre, nella sede di Palazzo Ciampoli a Taormina, verrà inaugurata la
nuova sezione della mostra sull’Archeologia subacquea. L’esposizione è incrementata con l’arrivo di alcuni reperti in prestito del MuMe e dalla Soprintendenza di Messina, che si aggiungono a quelli già in mostra della Soprintendenza del Mare. La
mostra va ad arricchire l’offerta culturale di Taormina per il periodo natalizio. Saranno presenti i vertici degli enti prestatori.

News

UNA PESCARESE A MESSINA | Un’estate al mare… da Giardini a Milazzo

Vi avevo parlato negli scorsi articoli (Clicca qui) di quanto duri siano stati per me i mesi iniziali, almeno fino al mese di luglio. A risollevare il mio morale fu la notizia che due tra le mie più care amiche, Vanessa e Daniela, sarebbero venute qui a Messina a trascorrere qualche giorno di vacanza e una delle due avrebbe soggiornato a casa mia.

Sono state in grado di farmi sentire a casa grazie alla loro presenza, e in quel momento ne avevo enormemente bisogno. Insieme al mio compagno Domenico, ci divertimmo a vestire i panni di Cicerone per condurre Daniela nei posti che a nostro parere doveva assolutamente visitare.

Lei, amante dell’arte e del teatro come me, rimase ammaliata dal Teatro Antico di Taormina. Avemmo la fortuna di trovare l’apertura serale del teatro alle visite, mentre il giorno precedente aveva ospitato uno spettacolo. Il fatto che, solo 24 ore prima, centinaia di persone avevano riempito gli spalti e un artista si fosse esibito lì, caricando l’aria di energia, mi galvanizzava ancora di più.

Un particolare del Teatro di Taormina

Devo dire che è uno dei posti del mio cuore e mi emoziono ogni volta che, saliti i gradoni in pietra, arrivo in cima alla platea e mi volto a godermi lo spettacolo dello scenario dietro il palco: le colonne mastodontiche, la città in lontananza, il mare nero che si mischia al nero del cielo e il confine tra i due delimitato solo dalle luci che le barche proiettano davanti a loro: senza di esse sembrerebbe quasi che fluttuino nel vuoto. E poi il regalo più grande: dietro il palco, su in alto, a destra, un rivolo rosso incandescente si stagliava contro la tela nera del cielo, e scendeva lentamente: la lava di un vulcano, l’Etna. Sul retro, in cima alle scale, dando le spalle alla platea, c’è la ringhiera meno illuminata, da cui ammirare il mare e Giardini – Naxos piccola e vestita a festa nelle notti d’estate. E da lì, alzando gli occhi al cielo, una luna piena gigantesca proiettava il suo bagliore candido in una lunga scia bianca che tagliava in due il mare nero. Come si dice a Pescara: “Chi ti pò ringrazia?”

 
Giardini-Naxos

Con Daniela visitammo anche Milazzo, la portammo lungo il sentiero che conduce alle Piscine di Venere, tra fichi d’india, scorci mozzafiato, scogliere e tanto vento, e dall’alto poter ammirare un paesaggio unico. Scesi tutti i gradini, ci ritagliammo uno spazio per noi ed entrammo in acqua. Passammo un pomeriggio fantastico, fatto di risate e bagni nel mare.

Amo viaggiare, condurre amici nei posti che conosco per illustrare loro tutto ciò che posso, guidarli in luoghi meno battuti dal turismo di massa, soprattutto se immersi nella natura. Portare la mia amica a fare questi giri, farle vedere le bellezze di Messina e provincia, ebbe su di me un effetto quasi terapeutico: da un lato mi divertivo e godevo della sua compagnia, perché mi mancava molto una persona amica; dall’altro mi servì per conoscere e apprezzare di più il posto in cui vivo.

 

Continua la prossima settimana