proroga

News

STUDENTI | UNIME, come accedere all’ultima sessione di laurea

Prorogata al 15 giugno l’ultima sessione di laurea per l’a.a. 2019/2020

Per agevolare studentesse e studenti nel completare il proprio percorso accademico, in attuazione del decreto-legge cosiddetto “Milleproroghe” convertito in Legge del 26 febbraio 2021, n.21, l’Università di Messina ha prorogato al 15 giugno 2021 il termine dell’ultima sessione di laurea per l’anno accademico 2019/2020.

Chi può usufruire della proroga 

Potranno usufruire della proroga le studentesse e gli studenti regolarmente iscritti all’ultimo anno di corso, in corso o fuori corso, nell’anno accademico 2019/2020 che non hanno conseguito il titolo entro marzo 2021. In particolare:

  • coloro che hanno già maturato tutti i crediti necessari ai fini del conseguimento titolo;
  • coloro che risultano ancora in difetto di alcuni crediti ai fini del conseguimento titolo e che maturino i necessari CFU entro 7 giorni dalla data fissata per la sessione di Giugno 2021 (tutti i crediti formativi previsti dal proprio corso di studi devono essere registrati in carriera entro 7 giorni dalla seduta di laurea).

Ulteriori appelli di esame 

Sarà prevista una sessione straordinaria di esami di profitto nel mese di maggio 2021, per consentire a coloro che devono ancora terminare gli esami di beneficiare della proroga.

Laureati Marzo 2021

Gli studenti che medio tempore conseguiranno il titolo nella sessione di Marzo 2021, al ricorrere delle medesime condizioni straordinarie, verranno equiparati ai laureati a.a. 2019/2020 della sessione di Giugno 2021, previa presentazione di formale istanza.
Nell’ottica di non compromettere in alcun modo le carriere degli studenti, le Commissioni di Laurea, con particolare riguardo all’attribuzione dei punti da assegnare secondo i criteri indicati all’Art. 13 comma 11 dei Regolamenti Didattici CdS, terranno conto della posizione dei laureandi che risultino iscritti per l’a.a. 2020/2021 al primo anno fuori corso.

Tasse universitarie 

Gli studenti che conseguiranno il titolo per l’a.a. 2019-2020 per effetto della presente proroga potranno utilizzare le somme eventualmente già versate all’Ateneo per l’a.a. 2020/2021 per l’immatricolazione ad un nuovo percorso di Studio UniME entro 30 giorni dalla data della laurea, senza nessun aggravio di mora per immatricolazione oltre i termini.
 I Dipartimenti fisseranno ulteriori appelli di laurea entro il 15 giugno 2021 che saranno comunicati tramite i canali ufficiali di Ateneo.  

Non sono compresi in questa deroga i corsi di laurea delle professioni sanitarie, le cui sessioni di conseguimento titolo sono regolamentate da decreto ministeriale.

 
News

STUDENTI | Approvata proroga per l’Anno Accademico 2019/2020

A seguito di una proposta avanzata in seno al Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari (CNSU), il Governo ha dato parere favorevole all’emendamento che prevede la proroga dell’anno accademico 2019-2020. L’emendamento è così formulato:

“In deroga alle disposizioni dei regolamenti di ateneo e delle altre istituzioni della formazione superiore, l’ultima sessione delle prove finali per il conseguimento del titolo di studio relative all’A. A. 2019/20 è prorogata al 15 giugno 2021. È conseguentemente prorogato ogni altro termine connesso all’adempimento di scadenze didattiche o amministrative funzionali allo svolgimento delle predette prove”.

Tale provvedimento, in attesa di approvazione del Parlamento, consentirebbe ai laureandi che hanno concluso tutte le materie e i crediti formativi entro il 2020 di laurearsi in corso per l’anno accademico 2019-2020. Ciò, quindi, avverrebbe grazie a una proroga della sessione di laurea entro il 15 giugno. La sessione di laurea di marzo resta comunque in vigore.

News

NEWS | “Sotto il cielo di Nut”, la mostra viene prorogata a marzo 2021

Il Civico Museo Archeologico di Milano ha deciso di prorogare la mostra temporanea Sotto il cielo di Nut. Egitto divino fino al 28 marzo 2021.

La proroga è stata possibile grazie alla collaborazione di tutti i musei che hanno messo a disposizione i reperti della collezione egizia da esporre: Museo Egizio di Torino, Museo Archeologico Nazionale di Firenze, Museo Civico Archeologico di Bologna, Civico Museo di Antichità “J.J.Winckelmann” di Trieste e Museo di Archeologia dell’Università di Pavia.

La mostra            

La mostra indaga l’invisibile natura degli dèi, entrando nell’universo spirituale e concettuale della civiltà egizia. Il percorso espositivo si articola in quattro sezioni:

  • Origine degli dèi e del cosmo

  • Forme degli dèi

  • Comunicare con gli dèi: la devozione

  • Diventare essere divini

Il percorso espositivo conta più di 150 opere esposte. Si può, così, entrare nel mondo del divino in Egitto attraverso sculture in bronzo, pietra e faïence, rilievi votivi, sarcofagi, mummie ed elementi del corredo funerario per il viaggio del defunto nell’Aldilà.

Filo conduttore dell’esposizione è l’invisibile e inafferrabile natura degli dèi, la cui vera immagine e il cui vero nome – ci dicono i testi – erano sconosciuti all’uomo, ma sarebbero stati noti ai defunti divenuti spiriti luminosi (akhu) e quindi dèi (netjeru) loro stessi, ammessi così a vivere accanto agli dèi in eterno (Civico Museo Archeologico di Milano).

Soffitto stellato con la dea Nut dalla sepoltura di Nefertari, Valle delle Regine (© Archeologia Voci dal Passato)

 

Il Comics Contest

La mostra è, inoltre, accompagnata dall’iniziativa Comics Contest, un concorso di fumetti prorogato, anch’esso, fino al 14 aprile 2021, che offre la possibilità di vincere un Abbonamento Musei Lombardia, pubblicazioni del museo e gadgets a tema. I visitatori saranno invitati a realizzare un fumetto di poche vignette ispirato alle tematiche della mostra. Le creazioni più belle saranno esposte durante gli ultimi mesi dell’esposizione.

 

Comics Contest prorogato fino al 14 Aprile 2021 (© Comune di Milano)