Molfetta

News

NEWS | Ritrovato raro idoletto Neolitico in pietra a Molfetta (BA)

Il 18 Gennaio 2021, durante una ricognizione di verifica dello stato dei luoghi, gli archeologi hanno ritrovato un raro idoletto in pietra del Neolitico, nel Pulo di Molfetta (BA), un sistema di cavità carsiche.

L’idolo, della dimensione di una moneta, risulta essere davvero un unicum per gli esperti Alessia Amato, Nicola de Pinto e la coordinatrice Anna Maria Tunzi. Si tratta, infatti, di una delle più antiche sculture in pietra della Puglia, proveniente forse da un corredo funerario.

Il sito archeologico, in fase di rifunzionalizzazione, è datato al V-VI millennio a.C., pienamente Neolitico. La scultura, ottenuta dalla lavorazione di un piccolo ciottolo, mostra caratteri antropomorfi, con naso, occhi con ciglia e una sorta di capigliatura a frangetta.

Cosa rappresenta l’idoletto neolitico? 

Si lega forse a idoli preistorici della terra, similmente a quello rinvenuto il 16 Ottobre 2020. In questo caso, si tratterebbe della Dea della fertilità, alla quale si richiedevano buoni raccolti, fertilità delle donne e degli animali domestici.

Attualmente la scultura è custodita a Palazzo Simi a Bari, Centro Operativo per l’Archeologia, dove si stanno svolgendo le opportune analisi e studi del reperto, per la successiva pubblicazione scientifica.

“Bastano anche delle ricognizioni di routine per individuare l’ennesimo idoletto neolitico. Durante i lavori preparatori per l’inaugurazione del Pulo, prima dell’estate, avevamo già rinvenuto un idolo. Anche quest’ultimo è stato ritrovato non nella giacitura primaria, che indica il luogo nel quale gli antichi neolitici lo avevano lasciato, ma secondaria, cioè è scivolato da un’altra parte sempre all’interno del Pulo”. Spiega la funzionaria Dott.ssa Anna Maria Tunzi.

I due ritrovamenti saranno esposti, appena sarà possibile, nella mostra “Sussurri della Terra” a Palazzo Simi, con altri reperti inediti provenienti dall’area di Bari.

Successivamente alla mostra, gli archeologi sono determinati a riportare le due sculture a Molfetta, dove è presente un museo della città.

Pulo di Molfetta (BA).

 

News

NEWS | Rinvenuto a Pulo di Molfetta (BA) un idolo preistorico unico al mondo

Durante la rifunzionalizzazione del sito archeologico di Pulo di Molfetta (BA), gli archeologi Alessia Amato e Nicola de Pinto hanno rinvenuto il più antico idolo su pietra risalente al Neolitico.

L’idolo è frutto della lavorazione a incisione di un ciottolo calcareo, presenta degli evidenti tratti antropomorfi e un tratto a zig-zag sul retro, elementi che ne permettono la datazione tra la fase media e quella finale del Neolitico. Non si è sicuri, invece, sulla provenienza da un corredo funerario. Si tratta di un unicum nella Preistoria e nel mondo perché le antichissime sculture erano prodotte, nella maggior parte dei casi, utilizzando materiali più facili da lavorare, come la terracotta oppure ossa di animali.

L’idolo è attualmente conservato nei depositi di Palazzo Simi a Bari, ma presto tornerà al Museo archeologico del Pulo di Molfetta (BA).

La scultura preistorica di Pulo di Molfetta (BA)